CURVY? NO! TAGLIA H!

H come Healthy, H come Happy, H come ”Hey, sono donna, non ho bisogno di autodefinirmi o incasellarmi per piacermi”! Ti spiego perché non mi sento curvy…

Siamo pronti come società a ritenere le etichette simboli di un’epoca passata?

Rimanere ingabbiati in vecchi stereotipi è un atteggiamento obsoleto e infatti ciò a cui voglio ribellarmi sono le etichette e, in particolar modo, quella che proprio non mi va giù: essere definita CURVY!

Il termine curvy è un neologismo che sta ad indicare una donna formosa che accetta se stessa, che ha cominciato ad amarsi e che si sente a proprio agio con la forma del suo corpo. È bellissimo se ci pensi, MA attenzione, siamo proprio sicure sia il messaggio giusto?

Perchè dobbiamo dire curvy?

Non dovremmo tutte sentici noi stesse, amarci e accettarci in qualunque forma e misura? Perché questo concetto dev’essere associato a una forma del corpo, alle curve, non è forse un concetto base che prescinde da misure e taglie?

Devo per forza dire curvy per amarmi? Devo per forza dichiarare le mie forme o fare questa sorta di coming out per accettare me stessa? Quante donne prendono coraggio dal dire ‘’sono curvy e felice’’? Moltissime, ma sarebbe ancora più bello se dicessimo ’Sono donna e felice’’, ‘’Sono me stessa e felice, in qualunque corpo, in qualunque taglia’’.

La complicità delle donne che si ribellano agli stereotipi

Certo ringrazio il movimento che ha stravolto i canoni imposti dalla moda. Oggi si vedono sfilare donne morbide e modelle taglia 48 sono seguitissime sui social, quindi grazie, di vero cuore, ma ora basta!

Il mio timore è che si legittimi una categoria denigrando l’opposto o peggio, che da sole ci attacchiamo l’ennesima etichetta e queste etichette ci suddividono in base alle forme del corpo e le misure.

Quando dici donna esprimi bellezza, stile, creatività, allegria, meraviglia e noi mediterranee in primis. Siamo un mix di popoli che hanno attraversato la nostra terra e il risultato è uno stile unico e sofisticato, elegante e sorridente e lo stiamo dimenticando per omologarci, tutte uguali, tutte incasellate in categorie.

H come Healthy, H come Happy, H come ”Hey, sono donna, non ho bisogno di autodefinirmi o incasellarmi per piacermi”!

Non sentirsi come vogliono che io mi definisca è una rivoluzione.

E se fossimo tutte taglie H?

Sai però cosa penso? Che le prime a dover essere rieducate dovremmo essere noi donne, le une con le altre, cercando quella complicità che abbiamo deciso di abbracciare ma che spesso perdiamo.

È davvero così difficile essere complici, pronte a difenderci invece di attaccarci per un etto o un chilo in più, proprio noi, che come simbolo abbiamo la naturale rotondità dei seni e dei fianchi che da sempre ha fatto impazzire gli uomini di tutto il mondo?

Il futuro passa da noi donne

Diverse ma solidali, libere di essere, libere di sentirci donne, non curvy, semplicemente donne! 

Ecco quello che mi auspico per il futuro, donne felici, donne H, donne dall’amicizia indissolubile se alla base ci fosse la complicità.

E allora proviamoci, puntiamo alla nostra taglia H e sorridiamoci l’un l’altra, abbiamo tutte l’intelligenza per farlo ma soprattutto, ne abbiamo le forme 😉

Un abbraccio bohemiano

M.

Rispondi

You May Also Like